Centro Internazionale Implantologia Como – Dir. San. Prof. Tiziano Testori

È sempre necessario eseguire una TAC prima di eseguire un intervento di implantologia o in ortodonzia?

È sempre necessario eseguire una TAC prima di eseguire un intervento di implantologia o in ortodonzia?

foto TestoriLe linee guida stilate dalle più prestigiose società scientifiche del settore sia a livello internazionale che italiano rappresentate dall’Accademia Americana ed Europea di Implantologia, la Società Italiana di Chirurgia Orale ed Implantologia, dalla Società di Parodontologia, pongono l’accento sul fatto che ogni esame radiologico è considerato invasivo ed espone il paziente ad una dose di raggi, per cui deve essere richiesto solo quando, dopo aver eseguito una visita clinica accurata ed utilizzato gli esami radiologici più semplici (comuni radiografie bidimensionali), non si è in grado di fare una diagnosi accurata.

Il punto cruciale è eseguire una diagnosi accurata, per cui ogni medico/odontoiatra ha una certa discrezionalità nel prescrivere esami radiologici tridimensionali quali una TAC che sicuramente espongono il paziente ad una dose di raggi assorbita non paragonabile alle semplici radiografie.

Bisogna inoltre tener conto che la TAC in odontoiatria sta per essere sostituita a livello mondiale dalle cone beam che sono TAC a basso dosaggio e che sono utilizzate sempre di più in odontoiatria. È raro prescrivere una TAC per odontoiatria; negli ultimi anni la quasi totalità degli esami tridimensionali che prescriviamo sono esami cone beam. Per cui, quando non si riesce ad eseguire una diagnosi accurata, è meglio sottoporre il paziente ad un esame cone beam a basso dosaggio piuttosto che sottoporre un paziente ad un intervento chirurgico e scoprire, mentre il paziente è sotto i ferri, che la condizione clinica è completamente diversa da quella che il chirurgo si aspettava.

In generale pur attenendoci alle linee guida stilate dalle società scientifiche, si può affermare che in implantologia l’esame cone beam è indicato in casi clinici complessi (che non necessariamente significa che il paziente ha perso tutti i denti) in cui è necessaria una ricostruzione ossea o si deve eseguire l’implantologia vicino a strutture nervose che se lese provocano danni permanenti alla sensibilità ad esempio del labbro. Per cui in implantologia si può concludere che gli esami tridimensionali meglio a basso dosaggio trovano indicazioni cliniche abbastanza precise e non bisogna abusarne.

In ortodonzia l’utilizzo della cone beam è potenzialmente limitato per due motivi: il primo è senz’altro quello relativo al fatto che l’ortodonzia si esegue soprattutto in bambini in crescita verso i quali è doveroso avere la massima attenzione a non sottoporli a dosi radiologiche se non strettamente necessarie e non altrimenti sostituibili. Attualmente perciò l’utilizzo dell’esame CBCT nei soggetti in crescita è limitato ai casi dove un maggiore dettaglio diagnostico può fare la differenza in termini di progettazione del trattamento ortodontico.

I casi sono soprattutto quelli di inclusione dentarie come per esempio quando ci sono canini permanenti che non spuntano spontaneamente in arcata. Oppure la sospetta presenza di più denti sovranumerari che devono essere estratti e per i quali la corretta conoscenza della localizzazione nell’osso è di grande ausilio per il chirurgo. Ci sono poi i casi di gravi malocclusioni facciali con potenziali di crescita altamente compromessa, soprattutto nei casi di asimmetria del viso ove è potenzialmente indicato prescrivere un esame cone beam invece che delle radiografie 2D tradizionali (ortopantomografia, teleradiografia e radiografie postero-anteriore del cranio).

Nei pazienti a fine crescita può essere indicato un esame cone beam in casi particolarmente complessi in cui è prevista una fase combinata ortodontico-chirurgica in cui la ricostruzione tridimensionale virtuale dei tessuti scheletrici, dei tessuti molli e delle arcate dentarie può essere un valido salto di qualità in termini di dettaglio diagnostico e programmatico. Infatti l’esame CBCT elaborabile con il computer ai fini di una progettazione virtuale consente all’operatore di visualizzare il trattamento prima di cominciare a trattare il paziente. Quindi il coscienzioso operatore saprà intercettare i casi in cui optare per un esame radiologico tradizionale o scegliere l’esame CBCT.

Lo Studio Odontoiatrico Società di Medicina Odontostomatologica offre dei servizi che coprono ogni esigenza del paziente, dalle visite di controllo alle complesse operazioni chirurgiche.

Società di Medicina Odontostomatologica

Centro odontoiatrico d’eccellenza che svolge attività clinica, ricerca e didattica.
Via Rubini, 22 Como
Telefono: +39 031241652

Email: info@implantologiaitalia.it

leading dental center of the world